Essere campionessa di atletica e non rinunciare alla maternità

C’è un grave errore da evitare: dirsi “Ok, ora mi sento bene”, evitando la seduta successiva di trattamento. L’osteopatia ed il dottor Lamarche non mi hanno mai abbandonato neppure quando in cui io e mio marito abbiamo deciso di avere un bambino. Trattamenti pre e post-parto mi hanno garantito di rientrare in gara dopo 9 mesi dalla nascita della piccola Nicol.

Campionessa nei 100 metri a ostacoli e nell’Eptathlon, ha gareggiato nelle file del Gruppo Sportivo Forestale dello Stato. Medaglia d’oro ai Campionati mondiali militari di Beirut nel 2001. Nel 2003 mette a segno alcuni dei suoi risultati migliori: ai Campionati di atletica assoluti indoor di Malles Venosta corre i 100m a ostacoli in 13’33” (con vento a favore +1) e i 60m a ostacoli indoor in 8’34” a Modena. È mamma felice di Nicol e Amelie.

Ho iniziato la mia carriera di atleta a 16 anni e l’ho terminata dopo due gravidanze a 33 anni: mi sento quindi di dire che i circa vent’anni di attività agonistica mi hanno dato molta esperienza su come si può gestire il proprio corpo, gli infortuni e i recuperi. Per arrivare a buoni livelli un atleta deve allenarsi non solo bene e tanto ma anche in maniera costante. La costanza nell’allenamento è la chiave del miglioramento. Ma come si riesce ad essere sempre perfetti durante una preparazione? Il cocktail perfetto è: essere coscienti di quello che si vuole raggiungere, allenarsi ascoltando il proprio corpo, alimentarsi bene, riposare ed essere seguiti nel recupero da figure come osteopati e massaggiatori. Nei primi anni di attività non conoscevo la figura dell’osteopata e mi affidavo a fisioterapisti che in modo molto professionale lavoravano su di me mediante macchinari, onde, ultrasuoni, laser e altri strumenti simili.

Da quando nel ‘98 ho conosciuto Jacques Lamarche e quindi l’osteopatia non ho più avuto bisogno di richiedere cure esterne e invasive, ma è stato il mio corpo grazie a sedute osteopatiche regolari a riuscire a risolvere i disagi procurati dai pesanti allenamenti. L’anno 2003 è stato l’anno più bello ma anche il più faticoso della mia carriera. Gli allenamenti sono arrivati a quota 11 settimanali , cioè quasi tutti i giorni mi allenavo due volte. In quel momento l’osteopatia è stata veramente utile perché mi ha dato la possibilità di “resistere” e di autoguarire. L’azione dell’ostacolo, nella mia disciplina sportiva, è prettamente asimmetrica perché è necessario “attaccare” l’ostacolo sempre con la stessa gamba; ogni passaggio procura a tutto il corpo un impatto molto forte con il terreno e soprattutto sollecita le articolazioni di piedi e schiena. La preparazione è costruita molto sulla forza e non solo creata sulla pista, ma anche in palestra, in sala pesi.

Molti sono gli errori che un atleta inesperto e non maturo può compiere e proprio per questo l’allenatore deve essere un professionista serio consigliando all’atleta che si sottopone ad un super-allenamento un buon osteopata per il recupero fisico. Tra gli errori più comuni ci sono, infatti, quello di caricare la schiena con pesi eccessivi, di allenarsi senza ascoltare i segnali del corpo, di considerare il defaticamento e le sedute di recupero come una perdita di tempo. Da quando ho preso coscienza del mio corpo -e ciò è avvenuto nel momento in cui il dottor Lamarche mi ha fatto ascoltare i segnali positivi e negativi inviati dal mio fisico – posso dire che di aver cominciato a ottenere ottimi risultati. L’osteopatia mi ha dato non solo un miglioramento dal punto di vista fisico come performance di gara , ma mi ha fatto anche crescere mentalmente come atleta e persona. Per riuscire ad ottenere questo bisogna essere costanti e crederci, come in tutte le cose della vita. Anche l’osteopatia è una pratica che non si deve seguire solo nel momento dell’infortunio, bensì è un trattamento che deve essere costante e regolare per poter dare i propri frutti. Infatti con le sedute di rieducazione osteopatica il risultato non lo si vede nelle prime 48 ore, ma arriva nei giorni seguenti quando il corpo si auto-ristabilizza facendoti avvertire buone sensazioni.

Dopo una seduta osteopatica a volte uscivo dallo studio e mi sentivo volare, altre mi sembrava di camminare storta: ogni volta accadeva qualcosa di diverso e solo così ho cominciato a percepire il mio respiro, i miei piedi, i miei organi interni e il battito del mio cuore. Le sedute osteopatiche ormai per me erano diventate un momento di auto-ascolto e di auto-guarigione. C’è un grave errore da evitare: dirsi “ok, ora mi sento bene”, così da evitare la seduta successiva di trattamento. La costanza nel frequentare le sedute anche nel momento in cui il corpo sta bene è fondamentale per poter prevenire futuri crolli o stati di forma negativi, che sono dietro l’angolo quando viene a mancare quel momento di ascolto.

L’osteopatia ed il dottor Lamarche non mi hanno mai abbandonato neppure nel momento in cui io e mio marito abbiamo deciso di avere un bambino. Trattamenti pre-parto e post-parto mi hanno garantito di rientrare in gara dopo appena 9 mesi dalla nascita della piccola Nicol. Nella mia situazione, l’osteopata mi ha aiutato, infatti, a ottenere un equilibrio non solo a livello delle ossa del bacino, ma soprattutto nella zona diaframmatica e viscerale dove avevo accumulato molte tensioni che avrebbero avuto ripercussioni future sulla muscolatura. E sono diventata mamma per la seconda volta, nel 2009, quando è nata la piccola Amelie.

Margherita Nicolussi

Leggi le altre testimonianze
Testimonianze

Neuropatia del Pudendo: Finalmente non mi sento più “intrappolata” nel mio stesso corpo.

Sono arrivata al Centro della Pelvi – Malaguti Lamarche dopo 5 mesi di sofferenza fisica, cistite, bruciore, dolore pelvico e di stress psicologico…

Leggi di più →
Testimonianze

Tipico della gravidanza le mani che formicolano

Dopo il parto mi avevano consigliato di operarmi urgentemente alle mani per il tunnel carpale, ne soffrivo da qualche mese…

Leggi di più →
Testimonianze

Campionessa di triathlon: liberata dal dolore sono diventata madre

Lo sport, dà delle sensazioni uniche, difficili da comunicare agli altri. E poi ci sono gli stop, che fanno parte della vita di un atleta…

Leggi di più →
Testimonianze

Il dolore non mi costringe più a letto tutto il giorno

Disperata, verificavo e leggevo in internet tutte le notizie che potessero avere un collegamento con le mie problematiche…

Leggi di più →
Testimonianze

Cistite, dolore, ansia da 20 anni, poi finalmente la diagnosi e la terapia.

Desidero scrivere del mio dolore pelvico cronico per metabolizzare io stessa questo periodo di dolore fisico e non solo…

Leggi di più →
Testimonianze

Maternità non può significare dolore: ritrovare la gioia e la fiducia nel corpo.

Avevo ventisei anni. Ed ero allegra e bella, come allegre e belle devono essere delle donne che hanno sposato l’uomo che amano…

Leggi di più →
Testimonianze

L’incubo dopo la chirurgia: ora sto bene

Reduce da un’isterectomia ma con un dolore che ormai da due mesi non mollava il mio corpo, era inizio maggio 2014…

Leggi di più →
Testimonianze

La quiete dopo la tempesta

Non c’è nota che possa esistere senza l’aiuto di quello straordinario strumento che è il corpo dell’uomo…

Leggi di più →
Torna su