Phone: +39 02 43995102 info@malagutilamarche.it Whatsapp 373-8546027 PRENOTA ORA!
IT

Neuropatia del Pudendo

Neuropatia del Pudendo

Il regista "vergognoso" della nostra intimità

Dal piacere al dolore, il nervo Pudendo è il vero “regista” che coordina e assicura la piena funzione della vescica, dell’intestino, del perineo, dei genitali. Il suo nome deriva dal latino e indica la parte che deve essere coperta per pudore.
La pelvi: è il punto centrale del corpo, uno snodo, è all’inizio della vita, accoglie visceri, ossa, muscoli, organi ed emozioni. Per questo motivo, essendo la parte più intima e sensibile del corpo, quando è “invasa” dal dolore o dalla disfunzione, porta a una sofferenza emotivamente così importante da essere spesso scambiata per “problema psicologico”.
Che sia per lesione traumatica o chirurgica, per problemi posturali, lavorativi o sportivi o per predisposizione costituzionale, quando il nervo Pudendo è leso comincia un vero "inferno" per la qualità della vita del paziente.

La “spia” che deve far sospettare una lesione del Pudendo, è la presenza di dolore acuto, bruciore, scossa, fitta, spasmo, tensione, sensazione di un “corpo estraneo” o di peso nel retto, incontinenza, stipsi ostinata, disfunzione sessuale. 
Se è il dolore a dominare, spesso peggiora da seduti oppure dopo l’evacuazione o la minzione. A volte il dolore si riduce camminando o da sdraiati.

Prostatite, vulvodinia, incontinenza, stipsi, disfunzione erettile, dispareunia, coccigodinia, cistite, ragade anale, dolore pelvico cronico: questi sono i sintomi con cui si presenta la nevralgia o neuropatia del Pudendo, che se non tempestivamente diagnosticata, finisce col far perdere tempo, orientando la terapia verso la cura sbagliata o inefficace.

L’unico esame che permette di fare diagnosi di neuropatia del Pudendo è lo Studio Neurofisiologico pelvi-perineale, una “mappa” neurologica dell’area pelvica e perineale: l’esame conferma se il nervo è leso, in quale punto del tragitto, quale è la causa e soprattutto se si può curare. 
La diagnosi è indispensabile per decidere la terapia, che in alcuni casi potrà prevedere l’utilizzo di farmaci in accompagnamento.

Le cause di lesione del nervo Pudendo possono essere i traumi: dai micro-traumatismi ripetuti (come il contatto con la sella della bicicletta nei ciclisti), a fratture del bacino, del sacro o del coccige (per esempio dopo cadute sul sedere). Una lesione diretta del nervo pudendo si può avere in conseguenze di un intervento di chirurgia addominale e pelvica (rettale, ginecologica, oncologica) o per lacerazione ostetrica, da parto.
Troppo spesso, tuttavia, si sottovalutano le cause posturali, che alterando i rapporti biomeccanici tra la pelvi, la colonna vertebrale e gli arti, provocano uno squilibrio osteoarticolare che coinvolge indirettamente i muscoli, le fasce e i nervi, provocando lo “stiramento” o “l’intrappolamento” del Pudendo.
Il ricorso alla chirurgia è una strada senza ritorno che può essere evitata in moltissimi casi, così come può essere evitata la dipendenza dai farmaci. 
Il punto di forza del Metodo Malaguti Lamarche è la neuroplasticità, un meccanismo neurologico che consente di plasmare e ripristinare le normali funzioni nervose dell’area pelvica. 
Attraverso un approccio terapeutico integrato e personalizzato, basato sulle evidenze scientifiche che parte dalla comprensione dei meccanismi della lesione del nervo Pudendo, puntiamo a ripristinare il corretto funzionamento dell’area pelvica e perineale: un lavoro di squadra, dove al centro è il paziente con le sue necessità, che ha l'obiettivo di ottimizzare l’assetto posturale, rilanciare tutte le risorse individuali, energetiche, somatiche, viscerali, motivazionali, per ritrovare la gioia del corpo.

Contatti

Per prenotare un appuntamento presso il nostro studio o un teleconsulto via Skype con la Dott.ssa Malaguti, compila il form sottostante.

  Invia